http://www.ausl.rn.it/in-caso-di-emergenza.html

Logo Azienda USL della Romagna
Rimini
Qr Code
URL della pagina
 

In caso di emergenza

Inserito in I percorsi della salute - Ultima modifica il:

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

IN CASO DI EMERGENZA

Simbolo internazionale di soccorso (detto anche Star of Life o Stella della Vita) Il 118 è il numero telefonico per allertare i soccorsi in caso di emergenze territoriali. Il personale specializzato della centrale operativa ROMAGNA SOCCORSO coordina le chiamate e l'invio dei mezzi di soccorso.

Il 118 deve essere chiamato solo in casi di urgenza: grave malore; incidente stradale, domestico, sportivo, sul lavoro; situazione certa o presunta di pericolo di vita.

Il servizio è organizzato per intervenire, su tutto l'arco delle 24 ore, nel più breve tempo possibile mettendo in atto l'intervento più appropriato.

La chiamata del 118 è gratuita e non richiede prefisso.

Quando si chiama il 118, è molto importante saper fornire informazioni precise sulla situazione di bisogno. Infatti, in base alla gravità del caso, verranno allertati e inviati i mezzi di soccorso e gli operatori più appropriati: auto medica, ambulanza con infermiere o eliambulanza con rianimatore a bordo.

Pronto soccorso ospedaliero

Il Pronto Soccorso è il servizio ospedaliero che assicura pronta risposta alle urgenze sanitarie.

E' bene servirsi del pronto soccorso ospedaliero SOLO per problemi urgenti e non risolvibili dal medico di famiglia.
 

NON ci si deve rivolgere al pronto soccorso per affrontare e approfondire aspetti clinici non urgenti o cronici. Nelle urgenze gravi è consigliabile chiamare il 118, anche se è possibile recarsi con mezzi propri al pronto soccorso.

Accesso al pronto soccorso: i codici colore
All'arrivo in pronto soccorso, gli operatori (infermieri specializzati) del “triage” valutano la situazione e attribuiscono un codice colore in base alla gravità della patologia in atto. Il colore serve ad identificare la priorità di accesso alle cure e quindi la tempestività d'intervento:

-codice rosso molto critico, pericolo di vita, accesso immediato alle cure,
-
codice giallo mediamente critico, accesso rapido alle cure,
-
codice verde poco critico, accesso di bassa priorità,
-
codice bianco non critico, non urgente, l'attesa può essere lunga. Prestazione soggetta a ticket.

Ticket ed esenzioni
Il pronto soccorso garantisce accesso rapido e cure gratuite per tutti i casi urgenti. Il pagamento di un ticket di 25 euro (più il ticket per eventuali prestazioni specialistiche aggiuntive come da tariffario vigente per la specialistica ambulatoriale) è dovuto solo in caso di problemi non urgenti che potrebbero essere trattati gratuitamente dal medico di famiglia, dal pediatra di libera scelta o dal medico di continuità assistenziale (guardia medica).

Non è richiesto il pagamento del ticket di Pronto Soccorso alle persone che eseguono prestazioni che rientrano nella sfera delle esenzioni previste dalla vigente normativa regionale che regola gli accessi di pronto soccorso, nonché gli utenti che godono di esenzione per età, reddito, invalidità e patologia.

Regole di esenzione dal ticket in pronto soccorso in vigore dal 01 maggio 2011

Il medico di Pronto Soccorso al termine della valutazione clinica, all’atto della dimissione, codifica l’accesso come pagante o non pagante secondo i criteri di esenzione e compartecipazione alla spesa sanitaria ridefiniti con delibera 389 del 28 marzo 2011, criteri in vigore dal 1 maggio 2011.

Condizioni di esenzione  
prestazioni erogate nell’ambito dell’OBI (Osservazione Breve Intensiva) per situazioni cliniche che necessitano di un iter diagnostico-terapeutico di norma non inferiore alle 6 ore e non superiore alle 24 ore,
prestazioni seguite da ricovero,
prime prestazioni riferite a trauma con accesso al Pronto Soccorso entro 24 ore dall’evento,
prestazioni riferite a trauma con accesso al Pronto Soccorso oltre 24 ore dall’evento nei casi in cui si dia contestualmente corso ad un intervento terapeutico,
prestazioni riferite ad avvelenamenti acuti,
prestazioni erogate ai soggetti di età inferiore a 14 anni,
prestazioni riferite ad infortuni sul lavoro,
prestazioni richieste da medici e pediatri di famiglia, da medici di continuità assistenziale (guardia medica) o da medici di altro Pronto Soccorso,
prestazioni riferite a soggetti esenti per patologia e/o reddito ed altre condizioni previste dalla normativa vigente,
prestazioni riferire alle persone straniere temporaneamente presenti (STP) se indigenti ed ai sensi della normativa vigente,
Colica renale,
Crisi d’asma,
Dolore toracico,
Tachicardia Sopraventricolare (Fibrillazione atriale Parossistica, Tachicardia parossistica sopraventricolare),
Glaucoma acuto,
Corpo estraneo oculare,
Epistassi in atto,
Corpo estraneo dell’orecchio,
Complicanza di intervento chirurgico che determinano il ricorso al PS entro 3 giorni dalla dimissione ospedaliera,
Problemi e sintomi correlati alla gravidanza.
Quanto si paga?
 
Nei casi in cui il medico del Pronto Soccorso al termine della valutazione clinica, all'atto della dimissione codifica l'accesso come pagante le tariffe sono le seguenti:
  • Accesso al Servizio di Pronto Soccorso: Euro 25,00;
  • Eventuali visite specialistiche (cardiologica, ginecologica, ecc.) Euro 23,00 cadauna e ogni altra prestazione diagnostica (radiografia, ecografia, elettrocardiogramma, ecc.) alle tariffe di cui al Tariffario Regionale, fino al raggiungimento del tetto massimo previsto di Euro 36,15 per ciascun raggruppamento omogeneo di prestazioni specialistiche (branca)
 
Questo sito non fà uso di cookie di profilazione di terze parti. Utilizza solamente cookie "tecnici" emessi direttamente dal sito per scopi editoriali o per permettere l'erogazione di servizi. Per maggiori dettagli leggere la "privacy policy"