Quali danni

Quali danni

I rischi associati alla manipolazione delle bombole si riconducono a:
  1. rischio determinato da:
    1. rottura delle parti deboli quali la valvola centrale della bombola o il raccordo con lo stadio di riduzione, ad esempio per urto da caduta;

    2. cedimento delle parti strutturali per non coerenza con le caratteristiche di progetto e di collaudo e quindi di uso, essenzialmente ciò può determinarsi:

      • per temperature o troppo elevate, determinate esempio da un incendio, o troppo basse, per investimento di liquidi criogenici che ne determina la fragilità della lega metallica;

      • per riduzione dello spessore della bombola per corrosione chimica (ruggine) o abrasione meccanica (altamente improbabile visto i controlli periodici ai quali le bombole sono sottoposte).

  2. rischio infortunistico e chimico determinato dal contenuto della bombola; rispettivamente il gas compresso può avere caratteristiche:

    1. di infiammabile o di comburente e quindi di partecipare a una reazione di combustione, anche violenta (esplosione),

    2. tossicologiche ( asfissiante ) se non si tratta ossigeno o se la miscela non contiene ossigeno.